Cosa mangiare a Budapest

Budapest è una città incantevole, crocevia di storie e culture che, negli ultimi anni, è divenuta una meta turistica di enorme rilievo. Tuttavia, prima di visitare la capitale, poco si sa della sua gastronomia e dei sapori che la contraddistinguono. È importante sapere che la cucina tipica ungherese ha origine da un mix di sapori e tradizioni provenienti da differenti località europee.

Basti ricordare che, alcuni secoli fa, l’Ungheria era suddivisa in ben sette tribù nomadi che si spostavano da un luogo all’altro alla ricerca di luoghi ospitali nei quali stanziarsi. Durante il loro “vagare” inevitabilmente entravano in contatto con le diverse culture e gastronomie tipiche e, quando ripartivano, portavano con sé ciò che più apprezzavano: dalle usanze fino alle pietanze e alle spezie.






Oggi gli ungheresi vantano piatti tipici consistenti, variegati e gustosi, frutto del loro movimentato passato.
A Budapest è evidente quanto la cultura gastronomica sia stata influenzata nel corso dei secoli: dalla dominazione turca che ha portato con sé la paprika, al matrimonio del Re Corvino con l’italiana Beatrice d’Aragona. Inoltre, la vicinanza ai Carpazi ha spinto inevitabilmente questo popolo a introdurre la carne nella propria dieta, rendendola una costante nei piatti locali.

Locali storici ungheresi, cantine tipiche, caffetterie in stile bohemien, sono solo alcuni degli ambienti retrò in cui si respira l’atmosfera che sembra riportare indietro di oltre un secolo.


goulashjpg


Goulash

Il goulash è il piatto ungherese per antonomasia. Il suo nome originale gulyás deriva dall'antica usanza di una delle sette tribù nomadi di cucinare la zuppa nel paiolo. Oggi, ogni famiglia prepara secondo la propria tradizione questa pietanza che si presenta come una zuppa a base di carne di manzo, patate, peperoni, strutto, abbondante paprika sempre servita con spesse di pane bianco.

Le rivisitazioni sono molteplici e, in genere, la carne preferita è quella di manzo, ma non mancano varianti a base di carne di montone o di maiale e, in alcuni casi viene proposto un goulash ancora più sostanzioso accompagnato da pasta fatta in casa (la Csipetke ungherese).

Lo troverete in ogni ristorante o bar del centro, come piatto principale o addirittura come ricca alternativa alla colazione. Ket Szerecsen piatti davvero di qualità, saranno gli stessi ungheresi a consigliarvi di recarvi in questo ristorante nel cuore di Budapest

Pörkölt

Chiamato anche la “rosolata della Puszta”, si tratta di una variante meno brodosa del goulash. Carne di manzo, vitello, maiale e, in certe regioni, anche di agnello o abbacchio, viene cotta in un sugo denso di cipolla e paprika. Infine, il piatto viene servito ben caldo accompagnato a gnocchetti bianchi, i nokedli o galuska tipici ungheresi, oppure insieme alle patate lesse.

Il migliore ristorante nel quale guastarlo è Paprika che si trova nel Quartiere Ebraico della città.

 


Halàszlé

È vero che la maggior parte dei menù di Budapest sono colmi di pietanze a base di carne ma, per gli amanti del pesce, l’halàszlè sostituisce il classico goulash. In questo caso si tratta di una sostanziosa zuppa a base di un mix di pesci tra cui il pesce gatto, il pesce siluro o la carpa con la presenza costante della paprika. Noto anche come “brodo del pescatore” è uno dei piatti tradizionali serviti durante le feste di Natale in famiglia. Il suo aspetto ricorda la tipica zuppa di pesce italiana, ma vale la pena essere assaggiato per il suo sapore è deciso e avvolgente. Belvarosi Lugas Restaurant un accogliente ristorantino che offre un menù completamente a base di piatti tipici ungheresi e a prezzi incredibilmente economici.

Tlttt kposztajpg


Töltött káposzta

Uno dei piatti tradizionali della cucina ungherese, generalmente gustato durante i mesi invernali e tipico delle festività natalizie, è il töltött káposzta che si presenta come un succulento involtino di cavolo verza ripieno. La farcitura è tutt’altro che leggera perché carne tritata, riso, cipolla e varie spezie vengono cotti insieme a salsiccia e pancetta. La cottura avviene in padella e come se non bastasse, crauti e una abbondante dose di panna acida accompagnano la portata.

Regos Restaurant un ristorante rustico le cui mura sono ricoperte di mattoni nel quale i piatti sono serviti in una atmosfera anni ’70.

 

Làngos

Per gli amanti dello street food il Làngos è un mix esplosivo di pizza fritta, formaggio e panna acida. Una variante della nostra amata pizza, riproposta in versioni dolci o salate e accompagnata dalle verdure fino al fegato d’oca. Il nome della specialità deriva dalla parola làng che significa fuoco poiché, in passato, il làngos veniva tradizionalmente cotto sui carboni ardenti, ma oggi si utilizza la più rapida frittura.

Retro Langos - Arany Janos Metro Station qui Làngos di qualsiasi variante, dolci e salati, cotti al momento. Impossibile resistere resistere nonostante la fila all’ingresso.

 

Lecsò

È un piatto popolare molto amato dagli ungheresi molto simile alla peperonata italiana. Si presenta come uno spezzatino di verdure che combina alcuni degli ingredienti preferiti dell'Ungheria come peperoni, pomodori, cipolle e paprika e li accompagna a riso, salsiccia o uova.

Lecso Hungarian Restaurant ha l’aspetto di una birreria, ma non bisogna farsi ingannare! Il locale è tipico e il menù offre solo piatti tipici, tra cui uno strepitoso lecsò.


kurtoskalacs3jpg

Kurtőskalács

Rinomato per essere il dolce più antico del Paese, il suo profumo dolce e sfizioso inebria le vie del centro della capitale. Noto come il “camino dolce” per via della sua forma, il famoso Kurtőskalács è una pasta a forma di cilindro ricoperta di cacao, scaglie di cioccolato, noci, vaniglia, mandorle e poi reso croccante da una colata di zucchero caramellato.

Molnar's Kurtoskalacs pasticceria molto frequentata e apprezzata da ungheresi e turisti. Tappa obbligata per gustare i migliori Kurtőskalács della città.


Zserbo Szelet

A Budapest la scelta tra torte e dolci tipici è incredibilmente ampia e, oltre al Kurtőskalács vi consigliamo di assaggiare lo Zserbo Szelet o fetta di Gerbeaud, uno dei dolci più prelibati. La sua ricetta, tramandata di generazione in generazione, deve le sue origini a un pasticcere francese emigrato in Ungheria molto apprezzato dai francesi, Emil Gerbeaud, che realizzò questo rinomato dessert sovrapponendo strati di pasta al burro farciti di noci, marmellata di albicocca e cioccolato.

Ruszwurm Cukraszda locale vicino al Bastione dei Pescatori rinomato per la genuinità dei suoi dolci.


Torta Dobos

La torta Dobos è un’esplosione di dolcezza, un dessert composto da ben cinque strati di pan di spagna, sui quali viene spalmata una crema di cioccolato e burro. L’ultimo strato, infine, è ricoperto da una ghirlanda di spicchi di pasta rivestiti da un caramello croccante, che rendono questo dolce una delizia sia da vedere che da mangiare Curiosità: pare fosse il dolce preferito della Principessa Sissi e proprio lei ad assaggiarlo per la prima volta all'Esposizione Universale di Budapest del 1884, insieme al marito Francesco Giuseppe. È forse anche per questo motivo che è divenuta una torta conosciuta in tutto il mondo.

Gerbeaud è una tappa obbligatoria per gustare i prelibati dolci di Budapest.

 

gundelJPG


Palacsinta alla Gundel

Questo dolce è stato creato circa un secolo fa da Karoly Gundel, un famoso chef ungherese fondatore di uno storico ristorante della città. La palacsinta alla Gundel è una crepe ripiena crema di noci tritate ricoperte di cioccolato al gusto di rum, uva passa e scorze di arancia. Il tutto viene accompagnato da una crema di gelato alla vaniglia. Gli ungheresi amano così tanto questo dolce da prepararlo spesso tra le mura domestiche.

Gundel Etterem situato dietro al Piazzale degli Eroi, questo elegante locale, tra i dessert offre un originale e squisito dolce di palacsinta alla Gundel.


Rétes

Il rètes è la versione ungherese dello strudel, un dolce conosciuto non solo a Budapest ma in tutta l'Ungheria. Per prepararlo si usa la pasta sfoglia farcita di mele, di prugne, di ricotta di mucca con uva passita, di amarene, di zucca, anche se la versione più apprezzata è quella con i semi di papavero.

Retes Bolt rinomato perché qui si mangia davvero il migliore strudel di sempre. Non vi resta che provare per credere!

 

Vini rossi e liquori locali

Tra i vini ungheresi, il più famoso è il Kékfrankos o Blaufränkisch, di cui si sono trovate le tracce più antiche in Austria, ma che si è diffuso in tutta l’Europa orientale, dov’è chiamato anche Frankovka o Franconia, e in Germania, dov’è tuttora chiamato Lemberger. Aromi e sapori sono concentrati ma ben equilibrati e rendono perfetto per accompagnare i piatti che gusterete durante la vostra visita a Budapest. Tuttavia bisogna ricordare che oggi la vitivinicoltura ungherese ruota intorno all’area in cui si trova il Lago Balaton che ospita vitigni internazionali quali Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Pinot Noir e i bianchi Sauvignon Blanc, Chardonnay e Muscat.

 

Palinka

La palinka è la tipica grappa prodotta in Ungheria, diffusa anche in Romania, nella zona della Transilvania e della Voivodina. Questo liquore a base di frutta, è il digestivo alcolico perfetto per concludere il pasto, specialmente dopo aver gustato i dolci tipici. Il gusto ricorda molto la grappa italiana: i gusti più comuni sono la Palinka alla prugna (szilva palinka) e all’albicocca (barack palinka).

Zwack Heritage and Visitors' Centre una fabbrica museo affascinante alla quale dedicare il tempo di una visita e una degustazione difficili da dimenticare.


Fateci sapere dove avete gustato i migliori piatti nel vostro viaggio a Budapest!


E se non ci siete mai stati ricordate che possiamo organizzare il vostro viaggio completo a Budapest


Ah! non dimenticate di seguire le nostre pagine Facebook , Instagram e la novità: da oggi siamo su Telegram!


Buon Viaggio!