Cosa mangiare a Genova

Viaggio tra i piatti tipici di Genova


Vi descriveremo i piatti tipici e le specialità liguri, quali sono e soprattutto dove poterli gustare a Genova. Si sa, Genova dal punto di vista turistico, non è una Big come Milano, Roma o Firenze, ma uno dei presupposti per visitarla è sicuramente la sua cucina, genuina e tradizionale. Si tratta infatti di una gastronomia con origini molto antiche, un menù a 360°, nel quale ingredienti di mare provenienti dal litorale, si incontrano con verdure e carni dell’entroterra.

Siete arrivati su questa pagina e due sono i motivi:

  1. vi trovate a Genova
  2. state programmando di andarci.

Se strumenti come tripadvisor sono utili per avere un’idea sulla qualità generale di un ristorante, sono altrettanto inefficaci nel farvi conoscere le specialità del luogo che rendono il vostro viaggio un’emozione in tutti i sensi, gusto compreso.Non vi resta quindi che scegliere da dove iniziare e buon viaggio... culinario!


PI_Trofie_al_pestojpg

Pesto Genovese

Il grande classico, conosciuto e imitato ormai in tutto il mondo, il pesto è il simbolo della cucina genovese e italiana. L’aroma del basilico cresciuto nella riviera ligure è inconfondibile e, se fino a oggi magari lo avete acquistato al supermercato, adesso è giunto il momento di scoprire il suo intenso profumo e la sua ricetta originale. Le terre dalle quali nasce il basilico DOP si trovano sulle alture di Prà, a 20min dal centro storico. Qui, alle prime luci dell’alba, il basilico viene raccolto e lavorato insieme a materie prime fresche come:

  •      pinoli italiani
  •      aglio
  •      Parmigiano Reggiano
  •      Grana Padano DOP
  •      Pecorino Romano DOP
  •      sale marino
  •      olio extravergine d’oliva DOP.

La tradizione ligure accompagna questo delizioso condimento a testaroli o trofie, tipi di pasta fresca che potrete gustare nei vicoli o meglio, nei caruggi di Genova nella storica Trattoria Rosmarino che soddisferà il vostro palato con un piatto di pasta al pesto dal gusto intenso ed indimenticabile.


20181228_152601jpg

Pansoti con sugo alle noci

Nel menù di un tipico pranzo genovese spicca un altro primo piatto di pasta fresca, in questo caso ripiena di bietole, uova e ricotta. I "pansoti " con sugo alle noci, meglio noti come pansotti sono uno dei piatti più caratteristici e saporiti originari del levante ligure.

Se visitate la città durante i mesi estivi scoprirete che gli sono dedicate numerose sagre tra Bogliasco, Ceranesi e Fontanegli mentre, tutto l’anno, nel cuore di Genova, è la Trattoria Ugo che li cucina seguendo la ricetta tradizionale.


20181228_152206jpg

Stoccafisso

I liguri lo chiamano “Stocche”, ma voi potete chiamarlo come preferite. L’importante è che vi ricordiate due cose:

  1. non è baccalà! Lo stoccafisso segue infatti un processo di conservazione differente, se il primo si conserva sotto sale, quest’ultimo viene lasciato ad essiccare.
  2. per tradizione lo "stocche"  viene cucinato solo al venerdì.
Numerose sono le ricette che la tradizione genovese gli ha dedicato, ma quella che rende lo stoccafisso più appetitoso conservandone la sua purezza prende il nome di "buridda" che lo vuole bollito e condito con patate, pomodorini, olive taggiasche, pinoli, capperi sotto sale, prezzemolo, cipolla e olio. Un’esplosione di gusto in questo grande classico del capoluogo ligure che potrete gustare nella versione riproposta alla Trattoria delle Grazie.

20181228_152323jpg

Cappon magro

Antica ricetta genovese dalle origini popolari e tipica del periodo pasquale è quella del cappon magro. Una piramide ricoperta di salsa verde trova al suo interno pane tostato strofinato con olio, aglio, aceto e sale, sul quale appoggiano pesce, uova sode, verdure lesse, carciofi, tonno, gamberetti, capperi e olive. Un piatto che l’Antica Osteria di Vico Palla cura in ogni dettaglio rendendolo scenografico e incredibilmente appetitoso.

20181228_231458jpg

Coniglio alla ligure

Una specialità tipica soprattutto del ponente ligure con un gusto molto particolare esaltato dal contrasto tra la dolcezza della carne bianca e l’amaro delle olive taggiasche.

Entrato ormai a far parte dei classici della cucina italiana, un ottimo piatto di coniglio ligure accompagnato da un buon bicchiere di "Rossese di Dolceacqua" potrete trovarlo nella trattoria Il Genovese in pieno centro città.


 20181228_152042jpg

Torta Pasqualina

Pasta sfoglia ripiena di bietole o carciofi, zucchine, erbe primaverili, uova e formaggio sono gli ingredienti semplici che rappresentano il territorio ligure e danno vita alla Torta Pasqualina, una delle più antiche torte salate. Per tradizione veniva proposta durante le feste pasquali, oggi, questa torta rustica e deliziosa viene quotidianamente sfornata tra le mura domestiche delle signore genovesi con ricette tramandate di generazione in generazione. Anche all’Antica Sciamadda la torta pasqualina viene rigorosamente preparata secondo la ricetta tradizionale conservando il suo gusto squisito sia calda che fredda.

  20181228_152402jpg

Pandolce

Il pandolce è il dolce della tradizione natalizia genovese e nulla ha da invidiare al panettone milanese:

  • uvetta sultanina
  • frutta candita
  • pinoli
  • cedro candito
  • acqua di fiori d’arancio
  • scorza di limone.  
Questa è la lista degli ingredienti che dovrete acquistare per riproporlo a casa vostra una volta tornati. Si dice addirittura essere ormai da secoli protagonista di un rito propiziatorio di salute, fortuna e denaro per il nuovo anno. Forse è tanto amato anche per questo!

Per assaggiare un po’ di “vecchia Genova”, tra gli edifici storici del centro, la Pasticceria Profumo sforna tutti i giorni i più artigianali pandolci del capoluogo.

 Farinata jpg

Farinata

Meglio nota come "Oro di Genova", si tratta di una ricetta molto povera a base solamente di farina di ceci, acqua, olio e sale. Tanto povera è la sua ricetta, quanto ricco è il suo sapore. Passeggiando sul lungomare di Corso Italia arriverete a Boccadasse. Qui, dopo aver scattato le foto di rito delle vecchie case dei pescatori, potrete assaggiarne un piatto all’ Antico Borgo.

La cottura in forno a legna e le sue varianti con friarielli, gorgonzola, rosmarino, cipolle o carciofi; vi stupiranno, questo è garantito!

Nel caso vi troviate in zona Voltri il Ristorante Vexima ne propone una versione coi bianchetti per i vostri palati ultra-fini.


20181228_150044jpg


Frisceu e panissette

I frisceu li definiscono il “fish & chips” ligure. Ovviamente il gusto nulla ha da spartire con le proposte oltrefrontiera. Si tratta infatti di deliziose frittelle a base di baccalà, bianchetti, erba cipollina o lattuga. Invece, con i medesimi ingredienti della farinata, olio escluso, vengono cucinate le "panissette" o "panissa". Tagliata a tavolette e poi condita con limone e pepe. Un cono di frisceu o panissette in una mano e un bicchiere di "Pigato d’Albenga" nell’altra, accompagneranno la vostra passeggiata a Genova. 

Ma attenzione, quelli dell’Antica Friggitoria Carega creano dipendenza!


fogassa_alejpg

Focaccia

E dulcis in fundo, la focaccia! Sentite questo profumo goloso e avvolgente nell’aria? Molto probabilmente qualche panificio della zona avrà appena estratto dal forno una teglia di calda focaccia genovese, o per meglio dire, "a fugassa". Le vie della città ne sono costantemente inebriate. Appena sfornata è una prelibatezza per il vostro palato, ma immergerne una fetta nel cappuccino a colazione vi farà sentire genovesi tipici. Provare per credere!

Per stare al passo con i tempi dovremo definirla “finger food”, ma le origini della tradizionale focaccia genovese hanno radici profonde quindi preferiamo il “da mangiare con le mani”.

La sua variante più classica è con le cipolle. Le più sfiziose e particolari invece vengono proposte nel ponente genovese: nella zona di Voltri, a meno di mezzora dal centro, la focacceria di Priano ne propone una versione con polenta e poco distante, la Marinetta non è da meno con le sue proposte al rosmarino e salvia. Se vi siete persi trai vicoli del centro troverete subito la giusta strada dopo un assaggio dell’autentica focaccia al forno Le bontà del grano.


e560d757408d4abade502765465a771fjpg

Focaccia di Recco

Non chiamatela Focaccia al formaggio! Soprattutto dopo aver ricevuto la denominazione di prodotto IGP.

Una doppia sfoglia sottilissima, formaggio di latte fresco e olio EVO.

La competizione su quale sia la migliore è molto alta! Per costanza di rendimento il nostro consiglio è Da O' Vittorio a Recco



A noi è venuto un gran appetito e a voi?

Fateci sapere le vostre esperienze lasciando un commento qui sotto!

Se invece state programmando una visita a Genova contattateci cliccando qui, saremo lieti di organizzare un tour eno-gastronomico nella città della lanterna, la nostra città.