Viaggio fai da te [La guida definitiva]

Vuoi organizzare il tuo viaggio fai da te e non sai come fare? Ecco la guida definitiva!

Se sei arrivato fin qui significa che hai già superato quel momento nel quale i dubbi sulle proprie capacità vengono scalzati dalla voglia di scoprire un nuovo angolo di mondo. Stavolta, però, la “pappa pronta” non te la darà nessuno, è arrivato il momento di organizzare il tuo viaggio in completa autonomia. Se stai leggendo queste parole vuol dire che vuoi spogliarti degli abiti da turista per entrare in quelli del viaggiatore.


I Pro e i contro

Come sempre, ogni decisione ha i suoi lati positivi e negativi, anche quella di organizzare il proprio viaggio fai da te.

I Pro:

  1. il risparmio economico. È inutile che ce la raccontiamo, qualsiasi agenzia, o operatore turistico, seppur minimo, applica un proprio extra-costo sui viaggi,
  2. libertà nella scelta di ostelli, case e hotel. Progettando il tuo viaggio fai da te potrai infatti visionare prima la struttura tramite foto e recensioni online,
  3. modifiche al programma di viaggio. Se all’ultimo momento cambi idea? Vuoi allungare/accorciare la vacanza o cambiare itinerario? Puoi farlo senza incorrere in problemi burocratici e che richiedono il pagamento di altri costi come penali,
  4. la soddisfazione di toccare con mano le proprie capacità organizzative. Sembrerà strano ma organizzando i propri viaggi col “fai da te” si apprezzano di gran lunga di più i momenti vissuti durante l'avventura.
  5. proverai un’esperienza completamente unica. Questa è una garanzia! Ritrovandoti a parlare con amici o persone che hanno visitato la tua stessa meta, ma col classico pacchetto “all inclusive” noterai che le loro esperienze sono state le medesime, per tutti. Invece, di sicuro, tu avrai qualcosa in più da raccontare o da mostrare.

I Contro:

  1. potresti scoprire che essere responsabili di te stesso, lontani da casa, è di gran lunga più impegnativo. In caso di malaugurati inconvenienti, non ci sarà nessun ufficio dedicato alla gestione della questione e si, dovrai darti da fare. Ma proseguendo nella lettura troverai una guida ricca di consigli pratici per aggirare proprio questi ostacoli.


7(+1) Consigli pratici

 Ecco una serie di consigli utili e le indicazioni per fare in modo che la prima avventura di viaggio fai da te non diventi un impegno pesante da sostenere.

  1. Scegliere la destinazione
  2. Acquistare il biglietto
  3. Informarsi sulla destinazione
  4. Scrivere un itinerario
  5. Trovare da dormire e cosa mangiare (il nostro preferito!)
  6. Preparare il bagaglio
  7. Partire
  8. Consiglio bonus


viaggio_solo-kt8G-U430101028915858CjB-960x451Viaggi-Webjpg


1. Scegliere la destinazione

La scelta della destinazione è senza ombra di dubbio la parte più divertente. A noi capita che scorrendo tra le varie città, che sia una capitale europea o altro, la nostra mente sia già in viaggio. Passiamo su Oslo e ci immaginiamo imbacuccati fino agli occhi per poi passare al costume e infradito quando il nostro cursore finisce su l’Avana.

Per quanto divertente sia, la scelta della destinazione  a raggiungere va ponderata con attenzione. Intanto, se hai delle date prestabilite da lavoro o impegni da rispettare, dovrai informarti sul periodo migliore per ogni destinazione. Noi preferiamo la bassa stagione per andare in vacanza. A gennaio per esempio inizia il periodo dell’anno nel quale la massa di turisti lascia spazio ai viaggiatori. Ma questa è una scelta puramente soggettiva.

Il nostro consiglio è di selezionare e scrivere su un foglietto di carta un paio di mete differenti per area geografica così da avere uno spettro di scelta più ampio. Se non l’hai mai fatto fino a oggi, ora capirai perché è così importante.

Per conoscere qual'è il clima migliore per ogni Città o Paese è sufficiente aprire Google digitando: “clima + (mese che hai scelto) +(1^ destinazione che hai scelto)” se ti soddisfa, puoi passare allo step successivo, ma prima ti suggeriamo di ripetete la ricerca anche per le altre opzioni che hai scritto sul famoso foglietto così da avere più scelte in periodi differenti.

Hai trovato la tua meta? Bene, passiamo al prossimo suggerimento!


2. Acquistare il biglietto

È arrivato il momento comprare il biglietto, ma prima devi scoprire con quale mezzo di trasporto giungere a destinazione. Considerando il rapporto tra tempi di percorrenza e prezzo, la nostra scelta ricade nel 99% dei casi sull’aereo. Che siano Isole, città d’arte o luoghi sperduti, un volo c’è sempre (o quasi...).

Per la ricerca di un volo economico adatto e del rispettivo prezzo, puoi affidarti ai portali dei singoli operatori o, in alternativa, utilizzare un comparatore di prezzi come Skyscanner. Quest’ultimo ti dà la possibilità di conoscere prezzi e orari dei biglietti per ogni viaggio nel mondo. È molto semplice da utilizzare e sarà sufficiente inserire la 1^ destinazione che ha superato il tuo “test clima” nell’ aeroporto di partenza, dopodiché dovrai inserire le date di andata e ritorno.  

Alla fine di questo articolo, trovi la schermata per effettuare la tua prima ricerca di volo.

Un importante consiglio: verifica anche le date precedenti o successive a quella prescelta perché, molto spesso, le differenze di prezzo sono sostanziali. Ripetere la stessa ricerca per le tutte le altre destinazioni di tuo gradimento non costa nulla e può sicuramente aiutare nella scelta della destinazione migliore ma soprattutto ad un prezzo low cost.

Una volta individuato il volo, puoi procedere all’ acquisto direttamente dal sito di Skyscanner che ti indirizzerà alla pagina ufficiale del tour operator o, in alternativa, direttamente dal sito della compagnia di voli low cost (es. Ryanair, Easyjet, ecc). Una volta selezionate date e punto di arrivo, non ti resta che acquistare il biglietto tramite carta di credito o Paypal.

Adesso che sai dove andare e come, non ti resta che informarti sulla destinazione scelta!

 

3. Informarsi sulla destinazione

Il tuo viaggio inizia qui! Dalla ricerca di tutte le informazioni disponibili. Dovrai scoprire tutte le notizie sul tuo prossimo viaggio. I canali a disposizione per reperire le informazioni sono principalmente tre. Ti suggeriamo di sfruttarli tutti o comunque almeno due.


Acquistare una guida

Ormai le librerie hanno sezioni apposite per guide di viaggio. Vai alla ricerca di quella che più rispecchia il tuo modo di affrontare le nuove esperienze. Per esempio, noi ci troviamo molto bene con le guide Routard che reputiamo ancora “pure” al contrario delle Lonely Planet. Queste ultime hanno sicuramente una scelta maggiore per quanto riguarda il numero delle destinazioni ma la qualità delle informazioni è da “pagine gialle”.

Cercare informazioni sul web

Il web si sa, è la prima fonte di informazioni per quantità e aggiornamento. Per fare una ricerca mirata, è sufficiente digitare su Google il nome del luogo che hai in mente seguito da parole chiave dei tuoi interessi. Se ami la natura puoi scrivere la destinazione seguita dalle parole “escursione”, “trekking”, poi prova a ripetere la ricerca con dei sinonimi. Troverai siti specializzati riguardo quella determinata zona o quell’ argomento specifico. D'altronde, se stai leggendo questa pagina significa che molto probabilmente hai cercato "guida viaggio fai da te" o "organizzare un viaggio". 


Chiedere consigli a chi c’è già stato

Chi è già stato in un determinato luogo, saprà sicuramente qualche curiosità che molto probabilmente non troverai sfogliando una guida o su internet. Dopo avere “interrogato” amici e parenti, ricordati che esistono i Social Network. Se i tuoi contatti non fanno altro che sfoggiare foto dei posti visitati tempestando la tua “home” di post per i quali fino a ieri non nutrivi il più minimo interesse, beh, è arrivato il momento di presentargli il conto.

Come? Facile!

Chiedi loro informazioni ed esperienze che hanno vissuto in prima persona durante un loro viaggio da soli, un viaggio di gruppo o un viaggio organizzato. Scoprirai che magari, un mezzo di trasporto è più comodo di un altro, oppure che alloggiare in un punto è più strategico che alloggiare in un altro.

Tra tutte le varie notizie, alcune informazioni sono però sono essenziali:

  • il documento necessario (passaporto o carta di identità per l’Europa)
  • la/le lingue parlate
  • il fuso orario
  • se si tratta di una meta ideale per i bambini nel caso tu abbia in mente di viaggiare con la famiglia
  • se è un luogo sicuro ed eventualmente zone da evitare
  • la moneta utilizzata e se sono accettate le carte di credito
  • quali sono le tipologie di strutture ricettive e soprattutto quelle tipiche (es. case particular a Cuba, Pousadas in Portogallo)
  • se è possibile viaggiare con animali al seguito nel caso tu voglia portarti il tuo amico fidato
  • se è necessario un visto turistico per entrare nel Paese
  • il tipo di presa per la corrente elettrica
  • se è usanza lasciare la mancia
  • il clima che incontrerai
  • i mezzi di trasporto presenti
  • sostanze o prodotti il cui ingresso è vietato
  • se è necessario l’acquisto di una Sim locale oppure è sufficiente il Wi-fi dell’albergo/b&b/altro
  • usanze e divieti di carattere religioso
In caso non trovassi risposta a una o più domande puoi sempre scriverci!


downloadjpg


4. Scrivere un itinerario

La bozza di un itinerario è il passo successivo. Ricapitolando, sai dove andare, quando andare, hai tutte le informazioni basilari e dove si trovano i luoghi da visitare o le esperienze da provare, non ti resta che tirare giù un itinerario.

Carta, penna in mano e google maps aperto!

Per prima cosa è importante sapere se hai preso un volo andata e ritorno dallo stesso aeroporto oppure arriverai in una città per poi ripartire da un'altra:

  • se hai acquistato un volo andata e ritorno (A/R) puoi creare un itinerario ad anello. In questo caso ti suggeriamo di iniziare la tua avventura dal punto più lontano e lasciarti la scoperta dell’ultima città, quella dalla quale poi ripartirai, per ultima. In questo modo vivrai meglio tutto il viaggio senza l’ansia di dover tornare l’ultimo giorno a riprendere l’aereo. Imprevisti come scioperi o altro, sono sempre dietro l’angolo ed è opportuno prendere le giuste precauzioni.
  • Se invece hai acquistato due voli con singola tratta, ovvero il tuo volo di andata arriva in una città e il volo di ritorno riparte da un’altra, è più indicato un itinerario “one way”. 
Dunque è opportuno capire quanto rimanere in una determinata località prima di spostare la tua base. Per praticità ti diamo un ulteriore suggerimento: le zone che rientrano in un raggio di 50/60km, in alcuni casi fino a 100km, si possono visitare in giornata. Per distanze maggiori, al contrario, è meglio valutare la possibilità di trasferire lì la tua base.

 

5. Trovare da dormire e cosa mangiare

Sapere dove dormire e cosa mangiare sono informazioni altrettanto importanti e come tali, vanno programmate. Dopo una lunga giornata ricca di nuove esperienze, fotografie km sulle gambe, non sapere dove mangiare, cosa mangiare o dove riposare, può causare degli inconvenienti. Per questo, un minimo di programmazione anche in questo senso, è sempre utile per poi essere pronti ad affrontare una nuova giornata di scoperte.

Durante la ricerca delle informazioni avrai sicuramente compreso qual è la tipologia di alloggio più utilizzata. Strumenti come Booking sono sicuramente utili. Permettono infatti di prenotare una sistemazione in anticipo e risparmiare sul proprio viaggio.

Puoi selezionare la tipologia di alloggio, la fascia di prezzo e il punteggio della struttura ricettiva, ricevuto dai precedenti viaggiatori.

Attenzione ai costi aggiuntivi: spese come tasse di soggiorno, pulizie o altro, generalmente vengono pagate in contanti sul posto. Questi extra-costi sovente sono menzionati solo nelle informazioni aggiuntive. Analizza quindi con cura tutte le voci incluse ed escluse dal prezzo della prenotazione.

In alcuni casi, anche se il pagamento è richiesto in contanti, la struttura addebita un importo di pre-autorizzazione.

Perchè lo fanno?

Per coprire i costi di penale nel caso non ti presentassi. Al contrario, l'importo ti verrà riaccreditato sulla carta di credito una o due settimane dopo il viaggio. Tienilo a mente nel caso tu abbia confermato prenotazioni in diverse strutture. È possibile (a noi è capitato) che la somma delle pre-autorizzazioni richieste superi il platfond della carta di credito e trovarti in viaggio, magari all'estero, senza poterla sfruttare o, con in tasca pochi contanti, è da evitare.

Il nostro suggerimento per un viaggio itinerante, è di prenotare dall’Italia solamente la prima e al massimo la seconda notte, giusto per sicurezza. Per le restanti notti lasciati ispirare dal posto, dalle persone e dall'atmosfera. Potrai prenotare fisicamente una volta sul posto, magari in strutture non presenti sul web. Un'altra chicca: sapevi che in alcuni casi, hotel di lusso svendono le ultime camere disponibili con super-sconti? Già! Comunicano il prezzo low cost su un tabellone posto generalmente all’ ingresso. È molto vantaggioso e, se sarai fortunato, potrai dormire in un hotel a cinque stelle al prezzo di un ostello!

 

6. Preparare il bagaglio

Probabilmente ti starai chiedendo se sia meglio uno zaino o un trolley. La risposta è una: dipende!

  • se hai in mente un viaggio itinerante con vari spostamenti e l’utilizzo dei mezzi pubblici, è sicuramente più indicato lo zaino. Ti permetterà infatti di avere sempre le mani libere e di affrontare ogni tipo di terreno. Inoltre, portare sulle spalle tutte le proprie “cose” ti darà un senso di maggiore sicurezza.
  • se il tuo viaggio non prevede cambi di alloggio e gli spostamenti avvengono in auto, il trolley può essere una giusta soluzione. Gli abiti restano più ordinati e le comode rotelline ti eviteranno l’impegno di portare il suo peso addosso.

Noi, per comodità, preferiamo lo zaino e poi rende molto più l’immagine del viaggiatore quale ormai sei!

Ma per favore, non farti vedere trascinare il trolley sulla sabbia! A prescindere dalla tua scelta, inserisci sempre all’ interno del tuo bagaglio uno zainetto da 10 o 20 litri da poter usare durante le escursioni giornaliere.

La preparazione della valigia deve tener conto del clima, del tipo di escursioni che farai e della presenza sul posto di eventuali lavanderie self-service.

In ogni caso, all’interno di un bagaglio perfetto non dovrebbero mai mancare:

  • k-way: le previsioni meteo, sono appunto previsioni;
  • scarpe molto comode: non fare l’errore di partire con delle scarpe acquistate il giorno prima;
  • fotocopia del passaporto/carta d’identità + 2 fototessera: in un malaugurato caso di smarrimento dei documenti, puoi recarti all’ ambasciata e ottenere un documento provvisorio in tempi molto brevi cosi da non “rovinare” il viaggio;
  • stampa delle prenotazioni nelle varie strutture ricettive;
  • stampa delle carte di imbarco e altri biglietti elettronici acquistati in anticipo;
  • caricabatterie per telefoni, fotocamere, ecc. più un powerbank in caso di escursioni della durata di più giorni;
  • adattatore per la presa elettrica;
  • cerotti e fazzoletti;
  • penna: sempre utile per il tuo diario di viaggio o per appuntare indirizzi;
  • un buon libro: gli spostamenti a volte possono essere lunghi, avere un libro farà scorrere il tempo più velocemente;
  • dizionario: può aiutarti a districarri da una situazione particolare;
  • cartina: nel caso ti trovassi in una zona con poco segnale


viaggiojpeg


7. Partire

Si, è arrivato il tanto atteso giorno della partenza. La nostra guida termina qui.

Se sei arrivato fino in fondo probabilmente ti senti già più viaggiatore e meno turista.  

Ma vogliamo darti un ultimo suggerimento.


8. Consiglio bonus

Se hai trovato questa guida interessante inizia a seguirci sui nostri canali social INSTAGRAM, FACEBOOK e il nuovo canale TELEGRAM. 

Quotidianamente pubblichiamo i migliori prezzi low cost che troviamo sul web per voli diretti, volo più hotel o brevi weekend e tanto altro ancora!

E ricorda di usare l' hashtag #IWANDEROFFICIAL nella pubblicazione dei tuoi scatti, verrà re-postata sulle nostre pagine!


Hai altri dubbi? Ti servono ulteriori suggerimenti? Contattaci!

Se invece vuoi lasciare a noi la progettazione del tuo prossimo viaggio, usufruisci del nostro servizio gratuito di TRAVEL DESIGNER

Buon viaggio!